Albero in fiamme nella notte a Isola del Liri, movida sotto accusa

Erano passate da poco le due della scorsa notte quando i cittadini sono stati svegliati da un incendio che si era sviluppato su una palma nella piazza retrostante la chiesa di San Lorenzo.

«L’incendio è indubbiamente di origine dolosa», hanno commentato i consiglieri Antonella Di Pucchio, Angela Mancini, Giorgio Trombetta, Mauro Tomaselli. «Non è questa la movida che piace a noi – ha continuato il gruppo consiliare: bande di ragazzini abbandonati a loro stessi tra i vicoli della città approfittando della penombra, spadroneggiano, vandalizzano, fanno uso di sostanze illicite, senza che nessuno li controlli. La movida è un fenomeno che deve essere controllato! Per la sicurezza di tutti! È impossibile che la città venga dimenticata dai suoi amministratori».

Telecamere e dissuasori non funzionano a dovere, secondo i quattro consiglieri comunali, che nel loro intervento hanno testimoniato «grande solidarietà» al parroco Don Alfredo Di Stefano «il quale ha vissuto attimi di terrore, a causa di queste bande criminali, e a tutti i cittadini nel centro storico, soprattutto quelli che ancora dopo anni passati ad ingoiare rospi non sono andati a vivere altrove, rinunciando ai propri diritti».

infine un duro rimprovero all’amministrazione Quadrini: «#LaPeggioreGiuntaDiSempre deve LAVORARE per restituire il giusto decoro alla città e non farsi il giro delle sette chiese a scattare selfie dimenticando di immortalare TUTTE le sfaccettature della movida. Non è passato troppo tempo infatti da quando sono stati denunciati dai cittadini vandalizzazioni delle auto in sosta, risse, scarti da droga e alcool ovunque, defecazioni tra i vicoli, graffiti sulle case e sui portoni. La lista è estremamente lunga, ma la pazienza è al capolinea!».

Menu