lunedì 12 Novembre 2012

Angelo Caringi: “L’amministrazione nata dal ribaltone è sempre più allo sbando”

Per correttezza di informazione abbiamo chiesto ed ottenuto da Angelo Caringi il pezzo pubblicato domenica scorsa su La Provincia,  cui si riferisce Luciano Duro nella sua lettera aperta.

Si preannuncia un mese difficile per l’Amministrazione Comunale di Isola del Liri. Il sindaco Luciano Duro è alle prese, sul versante politico, con le primarie della coalizione di centro-sinistra e, sul versante amministrativo, con le difficoltà giornaliere di una amministrazione che non riesce a decollare e che a fine mese è attesa dalla verifica dell’assestamento del bilancio e dell’adeguamento ai tagli previsti dal decreto sulla spending-review. A tenere alto il livello dello scontro l’ex presidente del consiglio comunale Angelo Caringi (UDC):

“Una amministrazione sempre più allo sbando. Una maggioranza nata da un “ribaltone”, dal tradimento del voto degli elettori, dalla cattiva politica in cui hanno prevalso personalismi, vendette e ritorsioni. Una maggioranza che non riesce ad espletare un concorso per i vigili urbani, che non riesce ad attuare l’annunciata riorganizzazione degli uffici, che non riesce ad attuare una deliberata revoca della concessione per la riscossione dei tributi comunali. E’ paradossale che, ad un anno di distanza dal “ribaltone” il consigliere Antimo Simoncelli si faccia portavoce di accogliere il consenso di membri della minoranza: lui rappresenta la minoranza scelta dagli elettori, sta svolgendo un ruolo di maggioranza in maniera “abusiva” e il suo appello e’ tardivo; avrebbe dovuto farlo un anno fa dando la sua disponibilità, da membro di minoranza, a lavorare per il bene della città. Ha dato, invece, la sua disponibilità ha sottoscrivere un documento in cui, in una casa privata, di notte, “da carbonari” si mettesse nero su bianco il “ribaltone”.

Antimo Simoncelli, in un intervista rilasciataci recentemente, ha rigettato l’accusa rivoltagli di “voler fare le scarpe a Duro”, si e’ ritagliato un ruolo di “regista” , volendo trovare le soluzioni ai problemi attraverso la mediazione politica, e rivendica un ruolo per il PD, in queste primarie, di “riconciliazione tra i cittadini e la buona politica”.

“Antimo Simoncelli si conferma un campione di “ipocrisia politica”. Le sue “capacità di mediazione politica” lo portarono a spaccare il PD sulla candidatura a sindaco di Luciano Duro e a proporre la sua candidatura in contrapposizione a quella deliberata dal direttivo del partito. Sempre le sue “capacità” lo hanno portato, dopo l’uscita di Quadrini dal PD, ha ricompattare il PD con Luciano Duro al prezzo di un “ribaltone” amministrativo che ha ridotto la nuova maggioranza a non avere neanche i numeri per approvare il bilancio di previsione e a dover ricorrere all’astensione, ma soprattutto alla presenza in aula per garantire il numero legale, anche del terzo candiato a sindaco, quello del PDL. Si conferma un “campione di ipocrisia” quando parla di discontinuità con il passato: lui è il passato, avendo condiviso, dalla comoda poltrona di assessore provinciale, tutte le decisioni e tutti i bilanci delle giunte Quadrini-Duro. Ha portato Luciano Duro in un vicolo cieco, altro che “non sto facendo le scarpe a Duro”. Vorrei evitare poi di parlare delle primarie”.

Le primarie rappresentano però un grande momento di democrazia e di partecipazione, anche se ad Isola del Liri, a parte proprio Simoncelli per Bersani e il consigliere Lucio Marziale per Matteo Renzi, non ci sono state forti prese di posizione:

“Appunto. Ad Isola del Liri il Partito Democratico si e’ connotato come il partito del “ribaltone”, il partito i cui componenti hanno tradito il voto democratico espresso due anni fa dai nostri concittadini. Il sindaco Luciano Duro non può pronunziarsi per non compromettere l’equilibrio precario della sua maggioranza che va da SEL al PDL. Rischiano di diventare, ad Isola del Liri, le primarie delle “ipocrisie”, di chi invita ad un processo democratico di partecipazione, nascondendo agli stessi cittadini che il voto e la partecipazione democratica delle comunali di due anni fa sono stati “traditi”. Non mi appassionano queste ipocrisie; ad Isola del Liri mi auguro che prevalga Matteo Renzi e che sia un segnale di rottamazione verso questi “vecchi politici” nostrani del PD che cavalcano la scena politica da oltre trent’anni e che sono garanti solo di loro stessi e dei loro interessi. Antimo Simoncelli, anche in questo caso si e’ affrettato a mettere il cappello sulla vittoria di Bersani, sempre per “non volere fare le scarpe a Duro” sia bene inteso”.

Le strade di PD e UDC sembrano che possano incrociarsi sia alle prossime elezioni regionali sia soprattutto alle elezioni politiche di primavera. Ad Isola del Liri sembra che restano distinzioni insormontabili:

” Ho grande rispetto per la storia e per il ruolo del Partito Democratico in Italia. C’e’ un confronto politico e programmatico aperto e da parte di entrambi i partiti c’e’ l’obbiettivo di fare il meglio per l’Italia. Ad Isola del Liri il confronto e’ mancato, è mancata la mediazione politica. Il PD locale ha preferito imboccare la strada del “ribaltone”. Chi oggi si definisce maggioranza, in modo illegittimo ed antidemocratico, non può rivolgersi a noi, legittimati dal voto popolare, e definirci minoranza ed invitarci a collaborare per il bene del paese. Finchè il sindaco Luciano Duro non decide di mettere i problemi della città davanti a tutto, facendo appello a tutto il consiglio comunale per la ricerca di un’ampia maggioranza su un programma amministrativo straordinario ed azzerando l’attuale giunta “ribaltonistica”, verificando chi tiene veramente alla città piuttosto che al proprio tornaconto personale, fino ad allora le nostre starde non si incontreranno di sicuro”.

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a info@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
SPONSOR

Promozione valida fino al prossimo 2 Ottobre 2019.

SPONSOR

Televisori, smartphone e notebook a prezzi molto vantaggiosi, ecco il volantino.

SPONSOR

I P.U.A. consentono l'accesso diretto all'assistenza territoriale, sanitaria e sociale.

SPONSOR

Offerte valide dal 04 al 17 Settembre 2019 in tutti i punti vendita della catena.

SPONSOR

Vieni a scoprire il programma da Golden Automobili! Ti aspettiamo oggi stesso presso la concessionaria Toyota per Frosinone e provincia del Gruppo Jolly Automobili.

SPONSOR

Promozione valida dal 29 Agosto al 15 Settembre 2019.

SPONSOR

Vi aspettiamo oggi stesso presso XClass, concessionaria Jaguar e Land Rover per Frosinone e provincia del Gruppo Jolly Automobili.

SPONSOR

Vi aspettiamo oggi stesso presso la Concessionaria Mazda per Frosinone e provincia del Gruppo Jolly Automobili.