9 settembre 2014 redazione@ciociaria24.net

Ci scrive Edoardo Gabriele: «La carica di Assessore è un onere, un lavoro vero e proprio»

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera a firma di Edoardo Gabriele.

10672119_10205049744468815_1322868612577439353_n

«Grazie a questo articolo, e alle foto scelte dall’autore è possibile evidenziare ancor più le già lampanti differenze tra due generazioni politiche. Da un lato un giovane con tanta voglia di fare, ideali ben saldi e nessun interesse personale, dall’altra un “politico” con ideali poco chiari (ex Radicale, ex Forza Italia, ora PD, domani chissà), nessuna intenzione di fare qualcosa per Isola Liri: in tre mesi da Assessore alla cultura, zero manifestazioni, zero incontri, nemmeno una giornata dedicata ai giovani, tra l’altro invitati a recarsi altrove per passare una giornata particolare.

Ritengo che nella attuale situazione economica isolana percepire 800 euro al mese senza fare nulla sia segnale di totale assenza di senso civico e amore per la propria città (al massimo si può parlare di amor proprio). Discorso simile per l’Assessore allo spettacolo e sport, altre aree nelle quali l’Amministrazione non ha organizzato nulla per tutta l’estate. Per fortuna a Isola del Liri ci sono persone che hanno messo su eventi in questi mesi spinti dalla sola passione e GRATIS (concreto esempio che anche con pochi fondi si può fare molto, basta volerlo e avere le giuste competenze). Allo stesso modo, sempre con risorse limitate, alcuni comuni limitrofi hanno organizzato belle giornate e manifestazioni che hanno raccolto la popolazione nelle piazze, ulteriore prova che in fondo non è poi così impossibile.

A mio avviso la carica di Assessore è un onere, un lavoro vero e proprio, che va ricoperto da persone con sani interessi e principi, grande disponibilità di tempo e molte competenze. Un assessore dovrebbe sapere che l’estate esiste anche per quei cittadini che non possono andare in vacanza per motivi economici, di salute, ecc…. Che magari sperano di poter passare giornate diverse anche a Isola del Liri con amici, bambini o anziani. La possibilità di recarsi altrove per assistere ad un evento di grande portata dovrebbe essere una possibilità in più da proporre ai cittadini, non la totale alternativa a mesi di nullafacenza, a causa di disinteresse o incompetenza degli incaricati. Per non parlare del danno recato ai titolari di attività. Mi chiedo se Isola del Liri debba continuare a stipendiare “politici” simili oppure se è giunto il momento di indignarsi e porre fine a questo brutto modo di fare, magari cominciando proprio dall’assegnazione di questi due assessorati a persone competenti, determinate e seriamente intenzionate a perseguire il bene di Isola del Liri.»

Edoardo Gabriele

Menu