Fuga dalla Casa Aeneas, ad Isola liri, delle 35 eritree e degli 8 bambini: il messaggio di Suor Antonella

«Che cosa resta ora che sono fuggite? Restano i volti e i sorrisi, i racconti terribili accolti con il cuore in gola, un mese a piedi nel deserto, le violenze subite nel cammino, i corpi bruciati dal sole, l’interrogativo sul presente e sul futuro di queste donne e dei bambini, il viaggio della vita mai concluso, i vestiti lasciati sulle sedie e la consapevolezza troppo presto raggiunta di una realtà molto più grande di noi che ci attraversa e ci ha sorpassato, lasciandoci con il desiderio in mano di qualcosa di incompiuto…»

Antonella Piccirilli
Caritas Diocesi di
Sora, Aquino,Pontecorvo

Menu