lunedì 25 novembre 2013 redazione@isola24.it

I Giovani Democratici di Isola del Liri aderiscono alla giornata internazionale contro la violenza sulle donne

Oggi 25 Novembre ricorre la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, ufficializzata dall’assemblea nazionale dell’ONU nel dicembre del 1999. Una giornata simbolo che serve, però per sensibilizzare l’opinione pubblica su quello che le donne subiscono, ancora oggi nel 2013, ogni giorno dell’anno. Noi Giovani Democratici di Isola del liri intendiamo manifestare la nostra piena adesione a questa giornata, ma soprattutto vogliamo ribadire il pieno sostegno alle associazioni e ai centri anti violenza che operano nel nostro territorio. La violenza sulle donne è un problema culturale, sociale ma anche politico: troppo spesso la politica umilia le donne o si copre gli occhi su questo drammatico fenomeno. Non possiamo accettare che in un Paese civile come l’Italia ogni tre giorni venga uccisa una donna. Bisogna trovare subito una soluzione a questa strage, consapevoli della terribile involuzione avvenuta negli ultimi venti anni, dopo le battaglie degli anni settanta. E’ necessario restituire alle donne quella dignità che per troppi anni gli è stata negata, solo così potrà avvenire l’importante cambiamento culturale che l’Italia merita. Troppo spesso la donna è umiliata dai media e dalle pubblicità, considerata erroneamente oggetto sessuale, involucro vuoto privo di contenuto, di sostanza. Il lavoro che la politica deve svolgere in prevenzione ed educazione contro la violenza sulle donne e’ fondamentale. Non basta la concessione di “quote rosa” a garantire il ruolo fondamentale delle donne in politica, è necessario un cambiamento di verso per una presenza sempre più consapevole in ambito politico, sociale e civile, garantendo ad ogni donna di qualsiasi condizione ed estrazione sociale lo svolgimento di questo ruolo, senza rinunciare agli altri ruoli di lavoratrice, moglie e madre. Nei momenti più drammatici della nostra storia unitaria le donne hanno svolto un ruolo determinante ma ancora poco conosciuto, questo perché purtroppo ancora oggi la storia la scrivono solo i maschi.

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA