lunedì 18 marzo 2013

Il 23 e 24 marzo giornate Fai di primavera: un’edizione speciale dedicata interamente alla città di Isola del Liri.

La delegazione provinciale F.A.I. (Fondo per l’Ambiente Italiano), in occasione delle Giornate Fai di Primavera del 23 e 24 marzo, ha organizzato insieme all’Amministrazione Comunale, Assessorato alla Cultura, un’edizione speciale dedicata interamente alla città di Isola del Liri.

Si è voluto trattare, infatti, un tema molto particolare che riguarda la memoria dell’intensa e prolungata attività industriale della zona e il successivo processo di deindustrializzazione della stessa.

Per la prima volta saranno quindi fruibili al pubblico, dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle 15,00 alle 18,00 i siti di archeologia industriale e le ville padronali, in particolare: La Cartiera – Palazzo Mancini (già Courrier), il Castello Boncompagni-Viscogliosi, la Conceria Nicolamasi, la Cartiera Lefebvre e la Chiesa S. Maria delle Forme, la villa Lefebvre – Pisani e il suo parco, il sito della Cartiera ex Boimond e la sua macchina continua.

Fra questi luoghi  presentiamo, oggi, brevemente, la Cartiera – Palazzo Mancini e la Conceria Nicolamasi.

La prima è stata fondata nel 1832 dall’imprenditore francese Giuseppe Courrier e qui si producevano carta francese, carta di Genova, carta per scrivere, carta a foglietti e da stampa. La particolarità, dal punto di vista paesaggistico e ambientale è costituita dal fatto che il complesso industriale e la villa padronale sono posti frontalmente alla Cascata Grande e all’antico Palazzo Ducale isolano dei Boncompagni.

La conceria Nicolamasi, di cui oggi si possono ammirare i resti, era invece un piccolo opificio, posto all’interno del giardino del palazzo Ciccodicola. La struttura disponeva, per la lavorazione delle pelli, di sei vasche, tre di forma circolare e tre di forma quadrata.

L’amministrazione comunale è ben lieta di ospitare i visitatori che giungeranno in città per riscoprire i luoghi della storia e della archeologia industriale presenti sul suo territorio.

Menu