lunedì 12 maggio 2014 redazione@isola24.it

Impegno per la Pace: 25 Maggio 2014

La giornata del 12 Maggio rimarrà per sempre nella memoria degli Isolani per il massacro più effimero cui la città abbia mai assistito

La giornata del 12 Maggio rimarrà per sempre nella memoria degli Isolani per il massacro più effimero cui la città abbia mai assistito.

Il 12 Maggio 1799 l’esercito francese, diretto al Nord, entrava di forza nella Città delle Cascate dando luogo ad un’atroce mattanza, attraverso saccheggi, distruzioni e stupri. La furia distruttiva dell’esercito d’Oltralpe culminò nell’episodio più noto come “L’eccidio di San Lorenzo”, ovvero la carneficina compiuta nei confronti di 350 persone rifugiate nella chiesa, mentre assistevano alla messa. Quell’evento, che Isola del Liri ha vissuto per sua disgrazia da protagonista, era conseguenza di una Storia Europea caratterizzata dalla frammentazione geografica e politica, in cui prevaleva il principio della guerra e della conquista. Durante il Bicentenario dell’eccidio, la chiesa di San Lorenzo fu dotata di una seconda campana, sulla quale è impresso l’appello disperato della Città contro la guerra: “MAI PIÙ, MAI PIÙ!”.

A 215 anni di distanza e in occasione delle ormai prossime elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo, risuoni nella orecchie degli Isolani quell’invocazione alla Pace. È difficile cogliere il dolore profondo che la giornata di oggi porta con la sua memoria storica, poiché troppo lontana, ma la crudeltà delle più recenti Guerre Mondiali è sicuramente ancora viva e tangibile tra le generazioni moderne.

Come spesso ricordato dal Presidente Giorgio Napolitano, l’Europa vive oggi il più lungo periodo storico di Pace della Storia continentale e l’Unione Europea ne è garante; l’UE fu fondata con spirito di solidarietà ed è stata rafforzata negli anni attraverso un contributo sempre più esteso e solidale. Questo modello di Europa unita, non solo economicamente, è probabilmente ciò che più si avvicina a quanto auspicato dai promotori della Libertà, dell’espressione e dell’affermazione dei Popoli. L’Unione Europea è sinonimo di cooperazione e competitività ed è inoltre un grande supporto per ogni Stato membro, per i quali mette a disposizione fondi comunitari per le famiglie, l’istruzione, il turismo, lo sviluppo, la ricerca, e le politiche sociali. La palla è dunque nelle nostre mani. Ognuno di noi è parte fondamentale di questo equilibrio tra i 28 Stati membri, come piccoli anelli di una grande catena sociale.

Bisogna temere e combattere il facile populismo dilagante che qualcuno promuove per guadagnare voti e consensi, sfruttando i sentimenti di rancore e delusione, i quali rischiano di sfociare in nazionalismi estremi e radicali, deleteri per l’intera Comunità Europea e la sua unità. L’Unione Europea è l’unica vera risposta al grido “MAI PIÙ!”. Il 25 Maggio sia l’occasione per onorare e rinnovare il nostro impegno per la Pace e chi per essa ha sacrificato la propria vita.

Marco Di Vona

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA