sabato 22 febbraio 2014 redazione@isola24.it

In ricordo di FRANCESCO DI GIACOMO (di Luciano Duro)

Apprendo adesso che ci ha lasciato FRANCESCO DI GIACOMO, voce del Banco del Mutuo Soccorso. Ci eravamo incrociati spesso quando faceva parte della band romana Le Esperienze. Era un cantastorie, una persona colta, studioso del movimento operaio. In occasione della pubblicazione del volume “Avanti Pop” ci chiesero di scrivere delle storie in occasione del centenario della CGIL che si celebrava con una serie di concerti di “Têtes de Bois” nei paesi che avessero una storia operaia e sindacale. Ad Isola del Liri vennero tra gli altri Daniele Silvestri e Nada. Io scrissi “L’Odore del Feltro”, Francesco “Smeraldina”, bellissimo racconto sulla condizione della donna lavoratrice nell’antica cartiera Fibreno – Lefevbre. Il libro con annesso DVD fu pubblicato dal quotidiano “Il Manifesto” e distribuito dalla Feltrinelli.

Smeraldina Oggi, anno di grazia 1861, io, nella cartiera del Fibreno, la più importante d’Italia, ho dietro di me, 500 operai così divisi: 230 uommene, 220 fèmmene e 50 criàture. Sotto di me passano un milione e seicentomila chili di stracci e io produco un milione e centotrentamila metri di carta. Io sono il principale rullo compressore che pressa la carta qui al Fibreno. Ma la vita della fabbrica è alle mie spalle e ho potuto solo sentire il racconto di Smeraldina, operaia qui dentro, tanti anni fa.

“Dènte all’acqua tutte glie uorne, sette giorni sopra a sette, dell’estate e dell’inverno, e da Pasqua fino a glie muorte, sempre mièse. A st’infièrne a ‘mpastà acqua e stracci, stracci e acqua, stracci e stracci, che ci esce poi la carta, che ce scriune può glie signure, che ci leggono chi legge, io che a leggere non so, e non scriuere manche pure. Ma la notte, la stanchezza, non mi fa manco addermì, e io allora penze glie penzière, che mariteme, mio marito, mi dice “Smeraldì – io mi chiamo Smeraldina che è il colore de glie ciume prima che duènta carta – Smeraldina, tu siè fèmmena e non può raggena, quello le facème glie uommene , siè capite Smeraldì?”. E ho capito, ho capito troppo bene, ma nen pòzze manche dille, sacce sule che trauaglie, trauaglie come ‘n ome, ma guadagno assai di meno, meno della sua metà, ma la sera sème muorte de fatia a ‘ffatià, tale e quale, tutte due tale i quale. Comme so ditte, ‘mpastème la carta nella fabbrica cresciuta da messiù Berèngé, ne francese che dice che ha cresciute pure a nu, padri, madri e figli, che diventeranno padri e madri e così avanti, ma avanti fino a’ ddo? Ma fino a quande? Fino a quando non diventiamo carta pure noi, sembra quasi che lo dicono quando parlano straniero tra di loro ste francise che non si capisce niente, solamente “travaglié, travaglié”, che sarebbe “ fatià, fatià”. All’alba di ogni alba ce ne partiamo tutti assieme, uommene, fèmmene, uttere, utterièglie, si bambini e neonati perché sennò anddo glie liesse… Tutte loche all’acqua, che sème tutta ’nà cosa, che la puzza e glie fume ca pe nù saria l’aria, che ce sbucia glie polmone e che glie uocchie si gonfiane de lacreme i malore, non si sa quale di più. Glie uommene stanno a una lira per dodici ore, le fèmmene stesse ore ma a 40 centesime, glie figlie pure a 30, ma sono piccoli, rendono poco, poco meno. Ma pare che propria iere alla Francia s’è ruoluzionate glie munne, basta che gli re i glie prete, basta che tutte, sule qua ‘n basta mai, che sule a arrapi glie fiate, se presèntene glie soldate. Dice ca ‘n signore Germanese, di quelli tanto saputi cà sanno proprio tutto ha detto: “è un piacere osservare gli operai preparare la carta, o meglio fonderla, scorre simile a un fiume grigio, poi diventa latteo, si addensa, si compatta e infine esce dal rullo calda, la carta”. Io ‘n so capite capite propria tutte, ma prima del piacere del prodotto finito, ci sta chi produce, sfinito, all’infinito. Comunque io, Smeraldina, cento anni dopo sto ancora qui, all’acqua, sei giorni su sette, col tempo se migliora, glie uommene due lire al giorno, io fèmmena sempre la metà, ma io so donna non posse raggenà! E uabbè e allora sai che faccio? Ho deciso che pezzo a pezzo mi lascio andare, mi abbandono una gamba, un braccio, ‘na recchia, ne dite e m’ ammischie all’impasto …e uscire alla fine, dal rullo, calda e bianca, preziosa e rispettata come la carta, e una mano perfetta scriverà su di me tutti i penzieri che so penzate sempre e per sempre.

Luciano Duro

DOPO AVER LETTO QUESTO ARTICOLO MI SENTO
  • INDIGNATO
  • TRISTE
  • INDIFFERENTE
  • ALLEGRO
  • SODDISFATTO
VUOI ESSERE SEMPRE AGGIORNATO?
Per ricevere le nostre notizie su smartphone o tablet: clicca qui e scarica la nostra App gratuita
I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA