ISOLA DEL LIRI – “Disegna il Principe (o la Principessa) del tuo paese”, vince il piccolo Andrea

Si è svolto ad Isola del Liri, presso la Scuola Primaria Primo Grado ex Dante Alighieri di Isola del Liri, il primo concorso organizzato dalla Ass. Vivi Isola, in occasione del Carnevale 2014, disegna la Maschera: il Principe  (o la principessa) del tuo paese! I ragazzi hanno partecipato con entusiasmo e senso di responsabilità, dimostrando tanta creatività e buone capacità. Ringraziamo i docenti e tutti i Partecipanti.

  • Primo premio: Andrea R. 3°A con: la maschera del mio paese ” Dalmazio “.
  • Secondo premio: “La principessa Arcobaleno” (2°C).
  • Terzo premio: “il principe Goloso” (2°A).

Questa classifica non rende pienamente il merito di tutti i lavori, che hanno trasmesso alla commissione un grande spessore di emozioni e gratificazione. Vale la pena menzionare quindi:

  • La principessa del carnevale “Alessandro R.”
  • La principessa luna ” khaula “per l’esposizione delle maschere”
  • Il principe felice ” Alessandro “per il valore della solidarietà e l’altruismo”
  • Il mistero di Isola “per il valore della purezza”
  • “Eleonora D.”
  • La principessa Dafne “per il valore della musica ” (Asia L.)
  • Naomi O. come maschera straniera “Romania”

In queste storie, l’Arroganza, l’ invidia, la perfidia e le streghe cattive, vengono sconfitte con l’amore, la magia della natura, gli animali, le ninfe, l’unicorno e gli incantesimi delle acque del fiume. Vengono illustrate le aurore, i fiori, i profumi, gli arcobaleni e le rondini, con i loro misteri e i loro tesori, fanno da cornice al castello Boncompagni e al suo balcone. La stella del Liri, grazie ad Anastasia M. brilla non per il possesso delle cose materiali, ma grazie all’amore della principessa Anna. Filastrocche che narrano di atmosfere gioiose, con balli, zampognari, ciocie e un popolo orgoglioso delle proprie tradizioni.

Principi e belle principesse, sirene e cavalieri, parlano di sfide da affrontare con coraggio, umiltà e anche tanta responsabilità, si parla di mestieri come la Lavandaia, il pescatore di trote,la passione per la moda ( la principessa della moda ), il panettiere e la sua panara ( il principe Pasquale ) Contadino con il forcone ( il Principe Giustino ). Con l’ingegno inoltre, c’e’ chi produce, grazie all’energia dell’acqua, la corrente, creano le fabbriche, e con la carta e i libri, sconfiggono la miseria e la povertà del popolo di Isola. Ci sono anche cenni storici su G. Nicolucci, simpatiche filastrocche e scettri magici.

Menu