giovedì 18 ottobre 2012

L’Isola Liri torna agli isolani: patron Lucchetti cede le quote (di Gianpiero Pizzuti)

Foto di copertina – Gianpiero Pizzuti

L’Isola Liri calcio è tornata agli isolani. Tutto messo nero su bianco nella serata di ieri in uno studio notarile nella capitale. Il passaggio delle quote è finalmente avvenuto da Felice Lucchetti ai nuovi soci tutti di Isola Liri, dopo un’estenuante gioco delle parti durato più di 20 giorni. Ora si dovrà nominare il nuovo presidente ed il nuovo amministratore, ma l’importante che la società sia tornata ai piedi della cascata dopo un’estate tormentata, culminata con un avvio di stagione senza una squadra. E’ un’iniezione di fiducia all’intero ambiente sportivo, il tecnico Cioffi, che ieri ha comunque, continuato ad allenare il gruppo in attesa della fumata bianca di Roma, avrebbe potuto sciogliere le righe e mandare tutti a casa se ieri sera le due parti non avessero trovato un’intesa, il che avrebbe significato la fine del calcio in città.

La gestazione di questo passaggio è stata farcita da tanti dietro front, che avevano fatto presagire alla fine del calcio ad Isola del Liri, ora, però, bisogna ripartire dalle macerie lasciate dalla retrocessione dai professionisti con un team che abbia voglia di risollevarsi dalla polvere. Da maggio ad oggi tutto lasciato desolatamente all’abbandono, senza una società che avesse preservato quel poco che era rimasto. Lo stadio Nazareth è ai minimi termini, senza manutenzione da mesi, non esiste in città un campo su cui svolgere l’allenamento, si rischia con l’inverno e le gelate alle porte di comprometterlo definitivamente: «Questa notte non ho chiuso occhio – ha commentato Renato Cioffi tecnico dell’Isola Liri – pensavo che non si raggiungesse l’accordo, invece, è arrivata la notizia tanto attesa che risolleva il morale a questa squadra.

Sino ad oggi non avevamo alcun punto di riferimento societario, siamo andati avanti solo con le nostre forze. Sono contentissimo, ho creduto al progetto Isola Liri quest’estate quando non c’era nulla, adesso non possiamo che migliorare». In difesa per domenica per l’unica gara in Sardegna del girone d’andata con il Selargius, problemi difensivi. Si è fatto male il centrale Esposito, oggi in prova nell’amichevole a Boville, il centrale Melis, ex Fondi, se il test andrà bene potrebbe essere convocato già da domenica in Sardegna.

Fonte Il Messaggero – Gianpiero Pizzuti

Menu