Massimo Scarpetta: “O si lavora tutti assieme o preferisco assumermi la responsabilità di ridare la parola agli elettori, altre strade non ne vedo”

“Il confronto politico nel rispetto del civile e costruttivo dialogo verso il miglioramento e la convergenza su progetti strategici per la città e senz’altro positivo. Non è positivo lo scontro costante, ingiustificato e cercato fra amministratori, della stessa città.

Da qualche settimana assistiamo a botta e risposta, probabilmente prodotte da antichi rancori che non ci appartengono, che hanno superato il limite della decenza, danneggiando tutti. Questo modo di fare danneggia soprattutto il gruppo di persone nuove alla politica, distintesi al primo mandato dimostrando competenza e buona volontà. La mia candidatura aveva tutt’altri scopi e tutt’alti obiettivi, non intendevo limitarmi ad attività inutili, al limite del ridicolo.

La situazione non è stabile e richiede un senso di responsabilità da parte di tutte le persone di buona volontà, non interessa che siano “ribaltati” o “ribaltonisti”, “maggioranza o opposizione”, interessa porre fine a questo indegno spettacolo. Si inizi da ora a spendere energia per assemblare, fra i 21 amministratori , coloro che dimostrino buona volontà di intenti e capacità progettuale per la città.

Prenderò la personale iniziativa di incontrare nei prossimo giorni i capi gruppo consiliari partendo da Angelo Caringi, che rappresenta il gruppo più numeroso, per verificare se vi siano le condizioni per realizzare quanto sopra. Qualora, vi fossero le condizioni e venissero ignorate dall’attuale maggioranza (di cui a scanso di strumentalizzazioni confermo di farne parte), mi dimetterò da consigliere comunale con l’intento di porre fine a questa faida che non onora nessuno.

O si lavora tutti assieme o preferisco assumermi la responsabilità di ridare la parola agli elettori, altre strade non ne vedo.

Il Consigliere Comunale Massimo Scarpetta

Menu