13 settembre 2015 redazione@ciociaria24.net

Pazzesca Isola Liri, dall’inferno al paradiso: Gallipoli espugnata, salutiamo la capolista!

Dall’inferno al paradiso nello spazio di poche settimane, il calcio è bello proprio per questo. L’Isola Liri di mister Grossi, allenatore che oramai vive in completa simbiosi con i colori biancorossi, ha espugnato il difficile campo di Gallipoli con un perentorio 3-1, bissando il successo di 7 giorni fa, altrettanto prestigioso, ottenuto contro i corallini della Turris al Nazareth (3-2) e volando in testa alla classifica del Girone H con 6 punti.

Se ripensiamo allo scorso mese di Luglio, con appelli vari per il salvataggio della squadra e l’iscrizione arrivata dopo uno sforzo da parte della città, nessuno avrebbe mai immaginato un evento del genere. Eppure questa squadra ha sette vite e riesce ancora a stupire il suo pubblico. Meriterebbe tanti affezionati in più sugli spalti, anche perché se la squadra dovesse continuare con questo ritmo potrebbero aprirsi scenari davvero interessanti per il calcio locale.

Per la cronaca la partita di oggi si era inizialmente messa male per i ducali, andati sotto al 45′ con il goal dei padroni di casa realizzato da Negro. Nella ripresa, però, la musica è cambiata: l’Isola Liri ha pareggiato i conti al 77′ con Giglio, è andata in vantaggio all’82’ con Poziello ed definitivamente chiuso la gara al 93′ con Carlini.

Menu