Resoconto della SOMS isolana sul convegno dedicato al Re di Napoli, Gioacchino Murat

Grande successo ha avuto il convegno organizzato ad Isola del Liri dalla storica Società Operaia di Mutuo Soccorso. “La presenza di Gioacchino Murat nella Media Valle del Liri- Decennio Francese”, un argomento decisamente interessante vista la partecipazione del folto pubblico costituito da studiosi, appassionati, scolaresche e semplici curiosi che, coinvolto nella splendida cornice dei locali dell’ex Lanificio San Francesco, in Isola del Liri, ha seguito i lavori articolati del convegno.

Un incipit di alto livello che ha visto i partecipanti rendere onore agli inni dell’Europa, della Francia, completando con le note di Mameli sulle quali tutti hanno intonato i versi italici. Dopo i saluti di rito, è stata resa giusta dimostrazione alla partecipazione dell’Institut Francais attraverso le parole dell’addetto francese in ambasciata a Roma prof. Benoit Tadié che, impossibilitato alla partecipazione, ha inviato il proprio contributo alla manifestazione. Hanno partecipato attraverso saluti indirizzati alla Soms anche il Prefetto s.e. Emilia Zarrilli ed il Vescovo s.e. Monsignor Gerardo Antonazzo.

I lavori hanno visto poi l’intervento dei relatori prof. Emilio Zarrelli, studioso locale, la prof. Flavia Luise docente di storia moderna all’università degli studi di Napoli “Federico II” e del dott. Domenico Bartolomucci, esperto in economia. La moderatrice è stata la dott.ssa Debora Bovenga ed il padrone di casa Enzio Bartolomucci, presidente della rinnovata ma storica SOMS Isolana, nata, tra le prime associazioni del genere, nel 1862.

Gli spettatori hanno apprezzato l’alto livello culturale del convegno che, associato ad una fluidità di temi ed argomenti, ha consentito un gradevole svolgimento della mattinata facendo approfondire la figura del maresciallo di Napoleone nella nostra terra. L’evento è stato chiuso dall’intervento di uno dei membri del direttivo della SOMS, direttivo che, nel corso di numerose riunioni, ha programmato ed ideato la giornata di sabato nei minimi dettagli ponendo le basi di una attività che, oltre ad essere celebrativa, voglia essere propositiva e fornire un contributo allo sviluppo culturale di questa Terra.

L’incontro è stato posto a conclusione del Maggio Isolano, tradizionale periodo di attività e commemorazioni proprio della Società Operaia. Nel corso dei lavori è stato fatto un importante richiamo ad una nostra illustre concittadina a due anni dalla prematura scomparsa, l’Ambasciatore d’Italia dott.ssa Carla Zuppetti che nel corso della sua brillantissima carriera ha rappresentato la Nostra Repubblica in molte parti del mondo, concludendo purtroppo tragicamente la sua missione in Svizzera.

Menu