mercoledì 12 Settembre 2012

Associazione Musicale “Andrea Fosco”, il cugino: “mi dissocio”. Il sodalizio: “no fini di lucro”

Riportiamo di seguito due post pubblicati su Facebook. Il primo, di Luigi Sardellitti, cugino del compianto Andrea Fosco. Il secondo dell’associazione musicale intitolata allo stesso giovane, tragicamente scomparso alla fine di Agosto 2012.

Dalla bacheca Fb di Luigi Sardellitti: <<A pochi giorni dalla scomparsa del mio caro cugino Andrea mi trovo, per la prima volta a dover “forzatamente” scrivere di Lui, non con le parole d’amore che ho nel cuore, ma con un freddo comunicato: Mi dissocio decisamente da recenti iniziative volte allo sfruttamento del nome e dell’immagine di Andrea, attuate coinvolgendo strumentalmente la mia persona(perfino in foto) e gli altri componenti della band, lasciando supporre nel pubblico il nostro consenso, ben lontano dall’assoluto silenzio che ancora ci stringe nell’anima. La grossolana iniziativa è ben lungi da quello che avrebbe desiderato Andrea>>.

Dalla pagina fans dell’Associazione Musicale “Andrea Fosco”: <<Luigi Sardellitti ha dato l’assenso ad essere promotore di questa iniziativa nella giornata di venerdì scorso; successivamente non ne ha retto il peso psicologico ed ha chiesto di essere messo da parte, cosa che prontamente è stata fatta da parte nostra. Gli altri membri della band “Keam” hanno da subito ritenuto opportuno di starne fuori, almeno per il momento, e la loro scelta è stata ovviamente rispettata (le associazioni culturali sono libere!). Non si capisce da parte nostra come potrebbe una associazione senza scopo di lucro speculare sul ricordo di un caro amico estinto; sarebbe prima di tutto illegale oltre che amorale. Purtroppo invece c’è chi con la scusa dell’amicizia non perde occasione per mettere in risalto grave opportunismo e lo lega ad Andrea, organizzando già dal 28 di Agosto un evento addirittura a pagamento da tenersi a solo un mese dalla sua scomparsa. Noi continueremo ad amare in silenzio Andrea, scomodando il suo ricordo e la sua immagine solo per fini nobili e per il percorso di ricerca del bello condiviso anche con lui nel corso di un bel periodo passato insieme>>.