20 Aprile 2021

Firenze, donna cade da monopattino e batte la testa

Consumerismo: ennesimo incidente che dimostra necessità di casco obbligatorio per monopattini

Firenze: una donna cade dal monopattino, sbattendo la testa

L’incidente registrato a Firenze dove una donna è finita ricoverata in codice rosso dopo essere caduta da un monopattino sbattendo la testa, è solo l’ultimo di una serie di sinistri gravi che dimostra la necessità di rendere obbligatorio il casco per tutti gli utenti che utilizzano consumerismo.it/tag/monopattini”>monopattini privati, mentre per quelli in condivisione servono limitatori automatici della velocità. Lo afferma l’associazione dei consumatori consumerismo.it/tag/consumerismo-no-profit”>Consumerismo No Profit, che ricorda come proprio a Firenze il Tar, lo scorso febbraio, ha annullato l’ordinanza del sindaco di Firenze Dario Nardella che imponeva l’obbligo di utilizzo del casco sui consumerismo.it/tag/monopattini”>monopattini.

Casco e limitatori della velocità massima a 15 Km/H

“Firenze è la città che più di tutte si è impegnata per tutelare la salute di chi utilizza i consumerismo.it/tag/monopattini”>monopattini, imponendo l’obbligatorietà del casco per tutti – spiega il presidente Luigi Gabriele – Una consumerismo.it/tag/misura”>misura che andava nella giusta direzione, considerata l’escalation di incidenti anche gravi che si registra in Italia sul versante dei consumerismo.it/tag/monopattini”>monopattini, e l’anarchia che regna sovrana in tale comparto. Diversi studi hanno dimostrato inoltre come tale mezzo di locomozione sia più pericoloso delle biciclette e aumenti il rischio di traumi anche gravi”.
“Il nuovo incidente registrato a Firenze dimostra ancora una volta come il casco rappresenti un presidio indispensabile almeno per i consumerismo.it/tag/monopattini”>monopattini privati, mentre per quelli in condivisione servono limitatori in grado di portare la velocità massima a 15 km/h, in modo da incrementare la sicurezza stradale” – conclude Gabriele.

Fonte: Consumerismo