1 Febbraio 2012

I Giovani Socialisti in risposta al consigliere Scarpetta

“Io sono, un uomo nuovo, talmente nuovo che da tempo che non sono neanche più fascista, sono sensibile e altruista, orientalista, ed in passato sono stato, un po’ sessantottista, da un po’ di tempo ambientalista, qualche anno fa nell’euforia mi son sentito, come un po’ tutti socialista…” Con “Il Conformista” Gaber di fatto sancisce lo stato di degrado della politica italiana del nostro tempo. Parafrasando il precedente articolo del Sig. Scarpetta, che apriva con una canzone di Battisti, “non me ne voglia, nulla di personale con lui”, tuttavia ritengo doveroso fare alcune considerazioni.

Come già annunciato in precedenza dalle colonne dei quotidiani, la Federazione Provinciale dei Giovani Socialisti che rappresento, aveva espresso dopo decisione collegiale del Partito, che la soluzione data al Sindaco Duro fosse quella di D’Orazio. Ad oggi la situazione determinatasi evidenzia il contrario, portando il partito ad uscire dalla maggioranza, una maggioranza diversa da quella che l’elettore aveva votato per farsi rappresentare. Se tanto mi da tanto, vorrei ricordare al Sig. Scarpetta alcune cose. Quando Lei afferma che la nuova maggioranza non rientra nelle logiche di partito, sbaglia omettendo un passaggio, non rientra in quelle di partito, ma a quanto pare in quelle personali si. La democrazia vuole che il potere decisionale risieda nelle mani dei cittadini, che tramite la loro più grande arma a disposizione, ovvero il VOTO, scelgono da chi farsi rappresentare.

Detto ciò, penso convenga con me nell’affermare che l’attuale situazione amministrativa, di fatto, tutto possiede tranne che l’aspetto democratico. Ad oggi le chiacchiere sono a zero, Isola del Liri non ha più una maggioranza frutto, non della volontà dei partiti, ma bensì, ed ancora più grave, della volontà dei cittadini, la cosi detta “SOVRANITA’ POPOLARE”. Oggi i componenti dell’attuale maggioranza, non sono frutto del voto democratico dei cittadini, ma frutto di scelte personali, che portando al così detto “RIBALTONE” e stravolgendo l’esito elettorale, hanno creato una “NUOVA” maggioranza scelta a tavolino con l’assenso di qualche politico regionale. Questa è la verità, tutto il resto menzionato da Lei nel suo precedente articolo e solo retorica di chi crede, che celandosi dietro le aggregazioni civiche possa avere la possibilità di purificarsi. Concludendo, trovo alquanto irrispettose le sue affermazioni, anche quelle esternate pubblicamente sulla pagina facebook , prima di tutto nei confronti dei cittadini di Isola del Liri che con il loro voto convinto hanno dato fiducia al Partito Socialista Italiano, ed in secondo luogo nei confronti di tutta la città.

Mike Di Ruscio – Segretario Provinciale FGS – Federazione Giovani Socialisti