1 Gennaio 2012

Il PSI in merito alle dimissioni da assessore di Danilo Iafrate

In qualità di coordinatore del PSI per l’area est della provincia di Frosinone desidero intervenire in merito alle dimissioni  da assessore al Comune di Isola Liri del compagno Danilo Iafrate. Intervengo non certo per sminuire la figura, il ruolo ed il prestigio del mio Segretario provinciale, la cui storia  politica e personale può affrancarsi dal mio pensiero, bensì per rafforzare la posizione espressa da Danilo riguardo il suo avvicendamento in giunta con Vincenzo D’Orazio, si anticipato, ma già concordato con il Sindaco Duro.

Desidero ricordare che ad inizio mandato una scelta del sindaco, fatta in nome di una maggiore trasparenza ma non espressamente richiesta dalla legge e forse ispirata da qualche “illuminato” stratega, portò alle dimissioni da consigliere comunale di tutti gli assessori nominati. Iafrate e D’Orazio (quest’ultimo con qualche resistenza e ancora non iscritto al PSI) rassicurati dal sindaco si dimisero.

Questa scelta determinò lo scorrimento delle posizioni nella lista vincente a favore dei non eletti ed il loro conseguente ingresso in Consiglio comunale. Tra questi Ivo Urbini che da subito aderì al PSI. Successivamente anche D’Orazio aderì al nostro partito. Poche settimane fa, il rimpasto di giunta operato dal sindaco Duro ha visto la conferma nel ruolo di assessore di Iafrate ma non di D’Orazio, il quale dopo aver accettato l’ipotesi dell’avvicendamento, con grande senso di responsabilità e spirito di partito ha preferito fare un passo di lato per agevolare la risoluzione di una perdurante crisi politico-amministrativa. E’ bene ricordare a tutti che il nobile gesto di D’Orazio e la scelta responsabile di Iafrate di anteporre gli interessi della città a quelli di partito, di fatto,ha spianato la strada verso l’assessorato a chi non era stato nemmeno eletto consigliere, o peggio, a chi aveva sostenuto un altro candidato a sindaco e che oggi, infrangendo una regola d’oro, pensa di potersi intromettere nelle dinamiche del mio partito e storcere il naso sull’avvicendamento tra Iafrate e D’Orazio.

Questa è una partita a due, tra il Sindaco ed il PSI, nel pieno rispetto delle prerogative del primo cittadino e tenendo presente che l’avvicendamento a deleghe invariate, legittimamente rivendicato, non turba gli equilibri della attuale eterogenea maggioranza “benedetta” anche da un esponente provinciale del PD.

Questo è quello che una delegazione del PSI rappresenterà lunedì mattina al Sindaco Duro, invitandolo a meditare sulle scelte visto che Isola Liri è la città Segretario provinciale del PSI.

Gianluca Paesano