giovedì 17 Ottobre 2019

Le richieste del Comitato Acqua Pubblica al Sindaco di Isola del liri

La nota del Presidente Mauro Capobianco.

Il 7 ottobre u. s. si è tenuta presso il Comune di Isola del Liri una riunione con il Sindaco Massimiliano Quadrini sui problemi del servizio idrico, a seguito della richiesta d’incontro inoltrata dal Comitato Acqua Pubblica fin dal 26 giugno 2019. I rappresentanti del Comitato hanno richiamato l’attenzione del Sindaco innanzitutto sulle azioni illegali e i comportamenti scorretti di Acea Ato 5, già contestati al gestore idrico dall’Antitrust con sanzioni fino a 1 milione di euro e confermati anche da sentenze dei Tribunali Civili di Cassino e Frosinone.

In particolare, il Sindaco è stato invitato a intervenire per contrastare, diversamente da quanto fatto finora, i distacchi dei contatori minacciati ed effettuati indiscriminatamente contro i presunti morosi, che spesso tali non sono e che comunque hanno diritto ad essere preavvertiti e a presenziare in caso di rimozione del contatore per qualsiasi motivo.

In proposito, il Comitato ha sottolineato che non è accettabile alcuna tolleranza per l’ invasione delle proprietà private allo scopo di privare dell’acqua intere famiglie, senza alcun rispetto per anziani, minori e disabili. Al Sindaco è stato segnalato, inoltre, il ricorso da parte di ACEA ai distacchi e/o alll’emissione di decreti ingiuntivi a carico di utenti che, avendo regolarmente contestato le bollette idriche, hanno in corso una controversia con Acea Ato 5 e che pertanto non sono soggetti a messa in mora, sospensione della fornitura idrica e ingiunzioni di pagamento, fino alla definizione della controversia.

Il Comitato ha pure sollecitato il Sindaco ad adoperarsi per eliminare dalle bollette le quote di fognatura e depurazione addebitate abusivamente da Acea a tanti utenti che non usufruiscono di tali servizi e ai quali dovrebbe essere restituito il maltolto. In merito al depuratore intercomunale al confine con il Comune di Arpino è stato fatto rilevare che i cittadini stanno pagando bollette gonfiate dagli aumenti tariffari dovuti agli investimenti programmati per la sua costruzione, ma non realizzati.

Infatti, nel piano degli interventi 2016/2019 approvato dalla Conferenza dei Sindaci dell’ATO 5 di Frosinone è prevista l’ultimazione del depuratore entro il 2020, mentre invece a tutt’oggi è addirittura ancora in corso l’iter autorizzativo. Infine, visti i continui disservizi e le ben note inadempienze di cui il gestore idrico si è reso responsabile in oltre 15 anni di gestione, il Comitato ha chiesto al Sindaco di avanzare al Presidente e alla Conferenza dei Sindaci dell’ATO 5 di Frosinone la proposta di una tariffa ridotta, a parziale compensazione del servizio ridotto fornito agli utenti dell’ATO 5.

A conclusione della riunione il Sindaco si è riservato di fare gli approfondimenti da lui ritenuti necessari; il Comitato, da parte sua, si riserva di verificare in una prossima riunione se c’è la volontà di affrontare le questioni sollevate per tutelare i diritti dei cittadini, o se s’intende continuare a seguire la linea proAcea che ha contraddistinto la precedente amministrazione.

È quanto dichiara il Presidente del Comitato, Mauro Capobianco.

SPONSOR

Grandi opportunità su elettrodomestici e TV selezionati dagli esperti.

SPONSOR

Vi aspettiamo presso la sede del Gruppo Jolly Automobili, S.S. dei Monti Lepini km 6,600, a pochi metri dal casello autostradale di Frosinone.

SPONSOR

Maxi sconti su tantissimi prodotti selezionati per te. Promozione valida fino al 17 Novembre.