7 Settembre 2013

“Nuovi parchi, zone vincolate: un vero esproprio e frode per i cittadini”. Tomaselli all’attacco

Con una crisi economica senza precedenti, il paese a rischio fallimento,il segretario della  U.I.L Gabriele Stamegna torna alla carica riproponendo un nuovo carrozzone parco ,sostenendo che sarà un valore aggiunto che genererà la crescita del P.I.L. Sconcertante! La politica dei parchi in Italia è stata un fallimento  es.,parco monti Simbruini ,riserva lago di canterno ecc.

La verità sui parchi e le zone vincolari? Questi enti, di fatto hanno distrutto una economia agricolo forestale, carrozzoni mangiasoldi che assorbono tutte le risorse. Bisogna abolirli tutti e restituire il territorio ai legittimi proprietari “i cittadini”.
Per la gestione del territorio basta il corpo forestale dello stato.
I parchi come le zone vincolate vengono progettate dentro in palazzi romani da dietro le scrivanie spesso  da professori universitari senza tener conto dei cittadini che vi risiedano ,a volte per accontentare i trombati della politica o dividersi poltrone incaricando  burocrati-professionisti che nulla  hanno a che  spartire con il mondo agricolo forestale.
Perchè il rappresentante dei lavoratori non ha detto quanto costa alla collettività l’istituzione di un nuovo baraccone parco? Parla di nuovi posti di lavoro (da impiegati) tutti a carico dello stato ma non parla di quanti posti di lavoro sono stati persi con l’istituzione dei parchi ,di quanti boscaioli ,contadini ,pastori, hanno abbandonato il settore e le tradizioni locali,ottenendo un effetto contrario all’agricoltura che loro sbandierano in continuazione.
Nella nostra regione è stato già follemente vincolato più del 60% del territorio ,strozzando di fatto l’economia . “Siamo diventati il giardino di Roma “. Se gli enti parco  chiudessero e il 50% dei soldi risparmiati venissero ridistribuiti ai comuni ricadenti nel territorio del parco non sarebbe più economico e vantaggioso per gli stessi comuni e per lo Stato?
Riguardo alle attività edilizie citate da Stamegna, nel parco non si può costruire nulla , se invece è consentito costruire allora non è più inteso come salvaguardia di flora e fauna ma è solo una fonte di affare. Bisogna scendere in piazza per difendere i nostri diritti .Se vogliono creare nuove aree protette e mantenere quelle esistenti devono pagare adeguatamente ai legittimi proprietari, in quanto come dicono loro è per interesse pubblico . “Una volta acquistata l’area devono recintarla,senza la presenza umana ma solo con la flora e la fauna”.
Mauro Tomaselli consigliere comunale  PDL
Isola del Liri, 07/09/13
Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
Il Covid torna a minacciare l'Europa. Luigi Di Maio: «Massima solidarietà a Spagna e Francia»

Luigi Di Maio - Il Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ripercorre i difficili mesi di questo drammatico 2020, segnato dalla pandemia di Covid-19.

Benefici dello yoga per corpo e mente

Benefici dello yoga - I vantaggi dello yoga non sono solo la possibilità di piegare il tuo corpo come un pretzel.

EUTANASIA - La storia di Piera Franchini

Eutanasia - Piera Franchini, a causa di una lesione al fegato ormai incurabile, andò in Svizzera per il suo suicidio assistito nel 2013.

EUTANASIA - Marco Cappato: «Caro Papa, e se sull'eutanasia il "crimine" foste voi a favorirlo?»

Eutanasia - Queste le dichiarazioni sulla propria pagina Facebook di Marco Cappato, esponente dei Radicali e dell'Associazione Luca Coscioni.

CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Lattoferrina Coronavirus - Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e gli altri" su Cusano Italia TV.