4 Settembre 2013

Vincenzo Quadrini: “Questa città ha fatto scuola in ambito politico, vederla ridotta così fa male”

Vincenzo Quadrini, sindaco di Isola del Liri nel primo decennio del XXI secolo, osserva la situazione politica cittadina e non nasconde le sue perplessità: “Isola mi sembra disorientata, è come se mancasse un punto di riferimento – dichiara. Da cittadino avverto un malcontento diffuso. E’ innegabile, del resto, ripensando alle amministrative 2010, che sia stata tradita la volontà degli elettori. Complessivamente le cose non vanno”.

Secondo Quadrini il governo guidato da Duro non gode di solide fondamenta: “L’unico collante che mantiene unita questa pseudo-maggioranza è la rivalità, l’odio, la cattiveria verso i cosiddetti ‘quadriniani’ – afferma. Non c’è altro, putroppo. Ci si è nascosti sul fatto che le liste erano civiche, ok. Ma bisognava fare tutto alla luce del sole, perché in politica funziona così. In questo caso, invece, il discorso è stato facilitato in virtù dell’odio nei confronti della classe dirigente del passato. Sostanzialmente, quindi, questo governo non è il frutto di uno scontro politico, bensì un’ammucchiata. Per loro – continua Quadrini – questa discontinuità con il passato è un punto di qualità. La cosa mi sorprende, è come se coloro che fanno questa affermazione non ci fossero mai stati, come se non avessero mai capito nulla, come se a qualcuno fosse stato negato di intervenire. Tuttavia – incalza l’ex sindaco – se è vero che si sta facendo il bene della città, queste persone dovrebbero ripresentarsi. Se non avverrà saremo all’assurdo. Corre voce, ipotesi che reputo gravissima, che l’attuale sindaco non si ricandidi”.

L’auspicio è dunque quello di tornare al più presto alla politica: “Questa città ha fatto scuola in ambito politico – tuona Quadrini, vederla ridotta così fa male. Nel momento in cui non si fa più politica, tutto perde senso in un contesto amministrativo. La realtà di oggi non mi piace come isolano. Non ho mai attaccato, né polemizzato. Preferisco tirare le somme alla fine del mandato.

Un pensiero, è inevitabile, Quadrini lo rivolge ai suoi dieci anni da sindaco: “Io non ho mai odiato nessuno – afferma perentorio. Mi sono posto sempre delle domande, guai a non fare autocritica. Credo di aver operato con la gente riuscendo a completare due mandati. Ho fatto tantissime cose. Ma soprattutto, quando mi sono insediato ho cercato di continuare l’opera di Magliocchetti senza buttare a mare quanto fatto in passato.

La comparsa sul suo profilo Facebook della foto del suo primo manifesto elettorale non rappresenta una sfida: quella foto mi è tanto cara, fu la prima volta che mi candidai a sindaco – dichiara Quadrini. Qualcuno gli ha dato un significato diverso, ma va bene lo stesso. Personalmente non metto mai il carro davanti ai buoi. Per adesso sto lì a guardare come cittadino isolano, ma una cosa è certa: qualora la gente dimostrasse di avere fiducia in me non mi tirerei indietro.

Se in città tutto è ancora da definire, in ambito nazionale le idee di Quadrini appaiono invece molto chiare: “Sono sempre stato un moderato di centro-sinistra, uno che ragiona – dichiara l’ex sindaco. Mi piace Renzi, sia come candidato per la guida del Partito Democratico sia come possibile premier. Se si creassero le condizioni per la sua eleggibilità e fossero gli italiani a votare, lo voterei anch’io senza alcun dubbio insieme a tutti i miei amici.”

Lorenzo Mascolo – Isola24

Per contattare la nostra Redazione puoi scivere a redazione@ciociaria24.net o telefonare al Numero Verde 800-090501.
CORONAVIRUS – Lattoferrina proteina anti Covid perché stimola l'immunità

Lattoferrina Coronavirus - Il Professor Massimo Andreoni, direttore dell'Unità malattie infettive al Policlinico di Tor Vergata a Roma, è intervenuto nella trasmissione "L'imprenditore e gli altri" su Cusano Italia TV.